Skip to main content

Carrello

Inizia la sperimentazione di un software in grado di individuare relitti di navi non ancora scoperti partendo da immagini e rilevazioni fatte sui fondali marini. La nuova frontiera dell’archeologia subacquea.

In collaborazione con la branca di Archeologia Sommersa della Marina statunitense, una scienziata dell’Università di Austin (Texas) ha messo a punto un sistema di intelligenza artificiale in grado di ‘scandagliare’ i fondali marini e individuare resti di navi o di aerei affondati nelle profondità oceaniche.

Continua…

Leave a Reply