Carrello

La scoperta dl primo relitto sommerso di Isola rossa. Di Diego Crippa

Per quanto sia una materia sicuramente ostica ed ampiamente dibattuta, l’archeologia subacquea rappresenta ancora oggi un elemento di fascino e meraviglia che mai potrà smettere di stupirci dinanzi all’estrema bellezza della memoria storica confinata negli abissi ed alcune volte, ahi noi, ancora non ampiamente tutelata a vantaggio del patrimonio culturale, delle nuove generazioni e del principio del reale progresso di cui, molto probabilmente, l’umanità ha ancora profondamente bisogno.

Diego Crippa, istruttore subacqueo di grande esperienza e dalle indiscusse capacità innovative e comunicative, è lo scopritore di ben tre relitti sommersi siti presso Isola Rossa, in Sardegna. In questo articolo parleremo del primo relitto scoperto da Diego Crippa. Isola Rossa si trova accanto ad una costa selvaggia, ricca di insenature e guglie che emergono dalle profondità di un mare ampiamente esposto verso Nord Ovest. La scoperta risale a più di 10 anni fa e prende il nome di “Le sei ancore” in quanto Diego Crippa si trovò dinanzi a quello che potremmo definire un sito archeologico unico nel suo genere, costituito da ben sei ancore dell’epoca di Cristo ammarrate su fondali a circa 30 metri di profondità e dal suo antico relitto ligneo.

La posizione specifica di ciascuna delle sei ancore rimanda ad un plausibile corso degli eventi che, in questo articolo, abbiamo il piacere di raccontare.

Molto probabilmente quel giorno risalente agli anni di Cristo, la nave Oneraria che portava a bordo il proprio carico e quelle grandi ancore dallo stelo di circa 2 metri, stava navigando sulla rotta che da Roma andava verso le isole Baleari, passando per le Bocche di Bonifacio. Una tremenda tempesta colpì la nave ed il suo equipaggio che rimase vittima di quello che oggi, potremmo definire, uno storico naufragio.

Nel vano tentativo di salvare la nave, il Capitano di quella sfortunata Oneraria ordinò di lanciare ciascuna delle sei ancore scoperte da Diego Crippa più di duemila anni dopo.

Ma procediamo con ordine.

Quel Capitano ordinò di lanciare le ancore secondo l’ordine che di seguito riportiamo in linea con la ricostruzione di Diego Crippa.

Questo ritrovamento, quindi, può essere considerato di notevole importanza storica in quanto ancora oggi è capace di raccontare le circostanze del naufragio ed un pezzo rilevante della storia della navigazione antica. In memoria di questi marinai è stata dedicata una poesia scritta dal poeta Annarita Borrelli. Molti di voi si chiederanno dove giace il relitto. Ecco la risposta: il relitto giace insabbiato, con il suo antico carico, non ancora descritto perché in fase di studio. Le immagini sono attualmente oggetto di analisi a seguito di denuncia archeologica ed ambientale riferita non solo al relitto sommerso ma anche alla presenza di uno scarico fognario e di costruzioni invasive nei pressi del sito.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per maggiori informazioni consultate il link del racconto: https://youtu.be/-l3IC4U1y8I

Chiaramente tutti noi ci auguriamo che questo sito possa essere al più presto correttamente tutelato.

Diego Crippa e Annarita Borrelli

 

Leave a Reply