News

Fallito il tentativo di recupero della chiatta affondata a Gardone Riviera

Chiatta maledetta, il recupero ha fatto flop

Un ribollire di schiuma davanti al Casinò di Gardone Riviera: la chiatta non vuole proprio riemergereIl barcone affondato aveva lesionato le tubature fognarie sommerse

Un ribollire di schiuma davanti al Casinò di Gardone Riviera: la chiatta non vuole proprio riemergereIl barcone affondato aveva lesionato le tubature fognarie sommerse

Diavolo di un barcone: non ne vuole proprio sapere di riemergere la chiatta affondata in novembre a Gardoine Riviera, centrando in pieno la condotta fognaria sommersa e facendo sfiorare un grave disastro ecologico.

PROPRIO IERI doveva essere il grande giorno del recupero, ma qualcosa è andato sorto, bisogna riprovare. Verranno completate, si spera stamattina, le operazioni di recupero. Non hanno avuto esito positivo infatti, i due tentativi effettuati ieri pomeriggio per far riaffiorare il relitto a pelo d’acqua. In entrambi i casi lo scoppio di uno dei palloni di sollevamento ha provocato il piegamento del natante obbligando i sommozzatori a ripetere la manovra. Tutto aveva filato alla perfezione fino a mezzogiorno, quando la chiatta dopo il terzo e penultimo step, era stata posizionata a soli 3,5 metri dalla superficie (a prua) e 8 metri a poppa a una distanza dalla riva di 15 metri. Nel pomeriggio i sommozzatori sono nuovamente entrati in acqua per l’ultima immersione, che avrebbe dovuto far riaffiorare definitivamente la bettolina. CONTINUA…

Leave a Reply