NewsSpeleo Sub

Le scoperte scientifiche nelle grotte marine … non finiscono mai! Parola di Tom Iliffe, Docente di Biologia Marina della Texas A&M University

By 9 gennaio 2018 No Comments

Le scoperte scientifiche nelle grotte marine … non finiscono mai! Parola di Tom Iliffe, Docente di Biologia Marina della Texas A&M University
Forse quando si immagina un professore universitario che fa ricerca, lo si pensa in mezzo a provette o magari a scrutare manoscritti ammuffiti in una biblioteca scarsamente illuminata, oppure, al massimo, andare sul campo per esaminare nuove tecniche di coltivazione o metodi di allevamento. Tutto giusto, una ricerca solida e la raccomando.

Poi c’è quello che faccio io: le immersioni in grotta. Per studiare la biologia e l’ecologia delle cavità costiere, delle grotte di acqua salata e della fauna marina che li popola, i miei compagni di immersioni in grotta e io andiamo sottoterra e sott’acqua per esplorare questi ecosistemi unici e stimolanti. Spesso andiamo in posti dove nessun altro umano è stato. Mentre le cime delle montagne più alte possono essere viste da un aereo e le profondità del mare mappate con sonar, le caverne possono essere esplorate solo in prima persona.
In tutto il mondo, dall’Australia al Mediterraneo, dalle Hawaii alle Bahamas e nei Caraibi, ho esplorato più di 1.500 grotte sottomarine negli ultimi 40 anni. L’esperienza può essere mozzafiato. Quando sei giù da 60 a 100 piedi in una grotta che ha luce zero ed è lunga 20 miglia, non sai mai cosa stai per vedere mentre giri l’angolo successivo.
Il mio obiettivo principale è la ricerca di nuove forme di vita – per lo più crostacei bianchi e senza occhi – adattate specificamente a questo ambiente totalmente buio e povero di cibo. Le immersioni in grotta sono uno strumento essenziale nelle nostre indagini poiché le caverne che mi interessano sono piene d’acqua: in genere uno strato di acqua dolce o salmastra sulla superficie e poi acqua salata a una profondità di 10 o 20 metri o più.
Non c’è altro modo per accedere a queste aree inesplorate.
L’elenco di cosa può andare storto in un’immersione in una grotta potrebbe riempire la tua agenda. Apparecchiature o mancanza di luce, perdite di bombole, linee guida spezzate, perdita, collasso delle caverne, sabbia agitata con conseguente visibilità zero, miscele di gas velenosi tanto per dare un’idea. Il lavoro sul campo può essere una questione di vita o di morte. Ho fatto alcuni incontri nel corso degli anni e, purtroppo, ho perso molti buoni amici e ricercatori in incidenti in caverna.
Per usare un eufemismo, le grotte sottomarine possono essere molto ostili e spietate. Una di queste grotte – il ‘Sistema del Diavolo’ nella Florida centro-settentrionale – ha causato la morte di almeno 14 persone negli ultimi 30 anni, e ci sono altri esempi in Florida e in Messico.
La maggior parte delle volte, la colpa è dell’ errore umano, quando i subacquei non seguono le regole che dovrebbero o non hanno la formazione e l’esperienza essenziali nelle immersioni in grotta.
La mia famiglia si è abituata all’idea che quello che faccio non è sempre una passeggiata nel parco. Sanno che da quando ho 69 anni sto molto attento alla sicurezza, essendo preparato fisicamente e mentalmente, e che rispetto religiosamente la regola cardinale delle immersioni in grotta: ‘non immergerti mai da solo’. Io e i miei colleghi di solito ci immergiamo in una grotta con squadre di due o tre sub e ci guardiamo costantemente per vedere se c’è qualcosa che non va durante le nostre immersioni, che di solito durano circa 90 minuti, ma possono durare fino a tre ore o anche di più.
Non solo nuove specie è possibile scoprire, ma anche gruppi più grandi di animali, tra cui una nuova classe, ordini, famiglie e generi, precedentemente sconosciuti da qualsiasi altro habitat del pianeta. Alcuni dei nuovi animali hanno parenti stretti che vivono in grotte simili su margini opposti dell’Oceano Atlantico o anche sul lato più lontano della Terra (come le Bahamas contro l’Australia occidentale).
Mentre la maggior parte di queste grotte si formano in calcare, possono anche includere formazioni di lava allagate dall’acqua di mare creati da eruzioni vulcaniche. Sorprendentemente, tipi simili di animali abitano entrambi. Nei deserti del Texas occidentale, il nostro team ha scoperto ed esplorato la più profonda caverna sottomarina negli Stati Uniti, raggiungendo una profondità di 462 piedi. CONTINUA…

Leave a Reply