Un rarissimo corallo scoperto dai biologi marini dell’Arpacal nelle acque vibonesi


Un rarissimo corallo scoperto dai biologi marini dell’Arpacal nelle acque vibonesi
ENZA DELL’ACQUA
NICOTERA (VIBO VALENTIA)- Non solo criticità dal mare nicoterese. Dai fondali emerge un corallo rarissimo: un delicato madreporario arborescente. La scoperta è stata fatta dai biologi marini dell’Unità organizzativa “Marine strategy” dell’Arpacal nei fondali della baia di Nicotera, ad una profondità di circa 80 metri.
La scoperta riveste i crismi dell’eccezionalità in quanto questo tipo di madreporario è una specie considerata vulnerabile nella lista dell’Iumcn (Unione mondiale per la conservazione della natura) e mai, fonora, è stata segnalata in quest’area del Tirreno Meridionale. La scoperta è avvenuta nel corso del programma di monitoraggio denominato “Marine strategy framework directive”, affidato, su direttiva della Comunità Europea, al Ministero dell’Ambiente e che vede l’Arpacal come Agenzia capofila del Mar Ionio-Mediterraneo Centrale.A coordinare le attività di studio nell’area interessata, i biologi marini Fabrizio Fabroni e Gianluca Pizzonia. «Ancora una volta- hanno osservato i due specialisti- i fondali della Calabria evidenziano la ricchezza di biodiversità dei mari calabresi: un tesoro assolutamente da preservare».CONTINUA…

Lascia un commento