La secca dell’Isuela tra le 10 più belle del Mediterraneo



La bellezza della secca dell’Isuela è tale da oscurare un punto di immersione che si trova a pochi metri dalla secca: la cosiddetta secca dell’Isuelita
Nelle classifiche delle dieci immersioni più belle del Mediterraneo che le riviste specializzate in subacquea puntualmente compilano ogni estate, a contendersi il primo posto, compare immancabilmente la secca dell’Isuela. Una posizione d’alta classifica senz’altro meritata per la spettacolarità del paesaggio che si apre davanti agli occhi del subacqueo che ha la fortuna di immergersi in quel paradiso di coloratissime spugne, coralli rossi e neri, madrepore gialle e gorgonie scarlatte.
La secca dell’Isuela si trova al largo di Punta Chiappa, all’interno dell’Area Marina Protetta di Portofino, in una zona classifica come “B”, ovvero riserva generale. Il che significa che è consentito immergersi con la supervisione di un diving autorizzato.
L’area della secca dell’Isuela
L’area di immersione della secca dell’Isuela si dipana attorno ad una sorta di cocuzzolo che comincia ad una profondità di 13 metri per poi scendere sino a meno 55. La visibilità, come quasi dappertutto in questo tratto di mare, è sempre buona se non addirittura ottima in tutti i periodi dell’anno.
L’immersione è relativamente facile. L’unico problema può venire dalla corrente che, non di rado, è forte e nei tratti maggiormente esposti della secca può mettere in difficoltà il subacqueo meno esperto e spingerlo a rimanere troppo attaccato alle rocce, col risultato di danneggiare il benthos (i delicati organismi marini che vivono a contatto col substrato solido). continua… http://www.newsliguria.com/ambiente/secca-isuela/48780/

 

Lascia un commento